Pannelli Fotovoltaici Solari a Basso Costo

Negli ultimi 5 anni abbiamo assistito in Italia e nel resto del mondo ad un vero e proprio boom del settore fotovoltaico. Grazie agli incentivi e messi in campo dai governi di molti paesi Europei come Italia, Francia, Germania, Spagna i prezzi dei pannelli solari fotovoltaici si sono abbassati in maniera drastica. Il crollo è stato vertiginoso tanto che oggi un impianto per la produzione di energia elettrica si sta avvicinando alla grid parity, ovvero il costo per produrre un kilowatt di corrente con l’energia rinnovabile è uguale a quello che spendiamo per acquistarlo dal gestore elettrico.

pannelli solari a basso costo

I pannelli fotovoltaici a basso costo sono quelli più richiesti perchè permettono di installare un impianto sul tetto della propria casa senza grandi sforzi economici permettendo allo stesso tempo l’accesso agli incentivi del conto energia, giunto con l’aggiornamento di maggio 2011 alla quarta edizione e successivamente terminato nel luglio 2013 con l’esaurimento dei 6,7 miliardi del quinto conto energia.

I moduli fotovoltaici economici sono ovviamente di marca cinese che, nonostante i dazi imposti dalla comunità europea riescono ad essere competitivi. Purtoppo per i produttori europei, statunitensi e giapponesi la concorrenza è imbattibile. Manodopera più bassa, costo dell’ energia elettrica per la produzione delle celle estremamente minore fanno sì che i pannelli low cost cinesi primeggino in questo settore.

Le marche dei pannelli low cost cinesi sono tante: il più grosso produttore è Yingli Solar che ha una sede produttiva anche in Europa, in Germania, a Monaco di Baviera. Questo gli permette di far sì che i suoi moduli fotovoltaici possano godere del premio del 10% agli incentivi italiani perchè il 60% dei componenti è prodotto in Europa. Il pannello fotovoltaico a basso costo Panda da 260 watt di Yingli viene venduto a circa 220 EURO per un efficienza dichiarata del 15,9%.

Anche Suntech è una altro grande produttore cinese di pannelli fotovoltaici a basso costo con uffici anche in Italia ad Agrate Brianza. Il suo modulo policristallino SUNTECH da 295 Watt costa circa 330 euro per un prezzo al kilowatt di 1,11 euro. Garanzia di 25 anni sull’80% della resa del modulo.

Trina Solar è un altro gigante cinese. I suo moduli fotovoltaici hanno la certificazione ISO9001 e ISO14001. Questo è il catalogo dei pannelli solari Trina: http://www.trinasolar.com/it/product/Mo_Honey.html

Hanwha: altro gigante cinese produttore di moduli fotovoltaici. La serie HSL 72S policristallina da 72 celle ha un’efficienza di tutto rispetto da 16,1% per il modulo da 315 watt.

Altro grande produttore di pannelli solari fotovoltaici a basso costo è Jinko Solar: produce moduli sia mono che policristallini. Qui : http://www.jinkosolar.com/download.html?lan=it c’è la scheda tecnica dei suoi prodotto.

Non ci sono solo i produttori cinesi per i pannelli fotovoltaici low cost ma anche i coreani di Hyundai e, anche se il prezzo è leggermente superiore, gli italiani di Solsonica ed Eni.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
(Visited 1.403 times, 2 visits today)

2 thoughts on “Pannelli Fotovoltaici Solari a Basso Costo

  1. Speriamo sia vero. Oggi il fotovoltaico pecca di efficienza, soprattutto se paragonato agli ingenti investimenti che occorrono per realizzare un impianto. Oltre 20.000 euro, cioe’ il costo per un impianto di una normale abitazione civile sono francamente troppi ed il risultato in termini di produzione di energia non e’ poi così entusismante.Il fotovoltaico saràla vera rivoluzione nella produzione di energia quando efficienza e costi avranno un rapporto pari a 10 rispetto ad oggi, cioe’ moltiplicato 10 l’efficienza, diviso 10 il costo, solo a quel punto avremo raggiunto il vero obiettivo, ridurre drasticamente il costo dell’energia e le emissioni nocive nell’ambiente e non dipendere più da petrolio e gas.

    • il prezzo di un impianto da 3 kwp oggi si aggira sui 9mila euro, quindi non 20mila come specifici tu. E’chiaro che una spesa del genere si giustifica con gli incentivi, quando finiranno i prezzi dovranno abbassarsi drasticamente per avere una convenienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *