Moduli CIGS a Film Sottile, meglio dei Pannelli a Silicio

pannelli solari cigsI pannelli fotovoltaici più conosciuti ed utilizzati sono quelli che usano la tecnologia a silicio cristallino, mono o poli, ma ci sono altri prodotti interessanti sul mercato del fotovoltaico. Si tratta dei moduli CIGS, acronimo di Copper Indium Gallium Diselenide tradotti in italiano sarebbero rame, indio, gallio e diselenide. Pannelli a thin film sottile che non usano il silicio, ma i suddetti componenti. Il maggior produttore mondiale di questo moduli è l’americana Solyndra, che pero’ è in amministrazione controllata, ma ce ne sono molti altri, qui per la lista dei produttori mondiali di pannelli fotovoltaici con tecnologia Cigs.

Solyndra ha brevettato i moduli cilindrici che riescono a recuperare energia a 360 gradi, ricevendo irraggiamento anche nelle parti non esposte al sole grazie al riverbero di un materiale riflettente che viene steso sotto i cilindri. Ogni cilindro della serie 200 ha al suo interno 195 celle solari e all’ interno è protetto da un agente liquido di accoppiamento ottico (OCA) che serve come barriera all’umidità, aumentando la superficie attiva delle cella solare del tubo.

I moduli CIGS di Solyndra sono ottimi per coloro che hanno un tetto piano e non devono far vedere al resto dei vicini l’installazione dei pannelli fotovoltaici. Non hanno infatti bisogno dell’ inclinazione tipica dei moduli a silicio. Altri moduli CIGS thin film di altri produttori inoltre possono godere degli incentivi ai pannelli solari per l’integrazione architettonica, molto più alti di quelli normali (nel secondo semestre 2012 sono pari 0,41 euro per kw prodotto per un totale di 20 anni di erogazione).

Vantaggi moduli CIGS: finora le promesse di questa tecnologia sono rimaste tali, ma alcuni vantaggi stanno venendo a galla, ovvero:

– lo strato attivo del modulo CIGS può essere posto direttamente su lastre di vetro rivestite di molibdeno o su bande di acciaio. Ciò fa sì che si utilizzi meno energia per la crescicita di cristalli di grandi dimensioni, che è un passo necessario per la fabbricazione di celle solari in silicio cristallino. Inoltre, a differenza dei moduli classici, questi substrati possono essere flessibili e quindi adattati su tutte le superfici, anche tonde o curve.

– Vantaggio ambientale, costituito dal fatto che le celle solari CIGS sono in tellururo di cadmio, si utilizza un livello molto più basso di cadmio, sotto forma di solfuro di cadmio.

-i pannelli fotovoltaici CIGS mostrano una maggiore resistenza al calore rispetto a quelli al silicio.

Svantaggi moduli CIGS:

-prezzi ancora alti; l’abbassamento dipenderà dai costruttori, se verranno investire in questa tecnologia i costi sono destinati a scendere e toccare i livelli del cristallino;

-efficienza ancora al di sotto dei moduli in cristallino, anche se ci si avvicina al 16%.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
(Visited 409 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *