Impianti Fotovoltaici ad Accumulo con Batterie

pannelli-fotovoltaici-con-batterieAbbiamo sempre pensato ad un impianto fotovoltaico connesso alla rete, ON GRID. L’energia elettrica prodotta in un dato momento veniva autoconsumata e quella che avanzava reimmessa in rete e cedute al gestore. Da un po’ si sono però affacciati sul mercato sistemi ad accumulo con batterie, OFF GRID. L’energia elettrica prodotta durante il giorno viene stoccata e consumata di notte, quando i moduli fotovoltaici non possono produrre.

Visto che gli incentivi del Conto Energia si sono esauriti, a coloro che vogliono sfruttare al meglio il proprio impianto fotovoltaico non rimane che cercare di consumare al meglio tutta l’elettricità prodotta. Per fare ciò c’è necessariamente bisogno di un sistema per accumulare l’energia che fa uso di batterie. Un po’ come avviene per il proprio smartphone o tablet. Lo ricarichiamo, lui accumula energia grazie alle pile e ci garantisce l’utilizzo giornaliero.

In pratica possiamo essere completamente autosufficienti dal punto di vista energetico, non aver più bisogno di essere allacciati alla rete elettrica, essere immuni da Blackout. Per la verità le cose non stanno proprio così, a meno che non si sovradimensioni un impianto fotovoltaico, possiamo in qualsiasi bisogno aver bisogno di energia elettrica. Pensiamo all’ inverno, quando le giornate sono corte e spesso buie. E’ vero che i pannelli fotovoltaici producono anche solo con la luce del giorno, ma in mancanza di sole le prestazioni si abbassano. Una settimana di pioggia a livello di produzione di energia elettrica si fa sentire.

Conviene installare un impianto fotovoltaico ad Accumulo Off Grid?

il discorso è complesso e non è facile dare una risposta. Attualmente ci sentiremo di dire di no, la convenienza non c’è. Il problema è legato alle batterie che ancora costano troppo, sono ingombranti e con gli anni tendono a perdere la loro capacità di “memoria”. Lo sappiamo dai cellulari. Dopo 3 anni di ricariche non sono performanti come all’ inizio.

Le batterie in commercio sono di due tipi:

  • acido piombo
  • al litio

Le batterie ad acido piombo sono simili a quelle che utilizziamo sulle auto, quelle al Litio sono le stesse che troviamo su pc, tablet e smartphone. Le prime costano meno delle seconde anche se garantiscono un numero ridotto di cicli di carica. Circa 3000, ovvero quasi 10 anni di funzionamento.

Altro svantaggio rispetto a quelle al litio è rappresentato dal fatto che possono essere scaricate meno profondamente (limite massimo all’ 80%) e che sono meno efficienti. Di positivo c’è il fatto che costano meno.

Ci sono molti tentativi di incrementare l’efficienza delle batterie. Alcuni ricercatori dell’ Università di Stanford hanno sviluppato un sistema per migliorare le prestazioni delle batterie al Nickel in controtendenza rispetto a quelle a ioni di litio. Il vantaggio delle Nickel è che si ricaricano molto velocemente.

Prezzi delle Batterie per sistemi Fotovoltaici

se prendiamo a riferimento l’ultimo rapporto di Solarbuzz. Secondo il portale le batterie rappresentano il 15% della spesa totale di un impianto fotovoltaico con un prezzo medio per watt ora di circa 16 centesimi di Euro.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
(Visited 847 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *