Come aumentare il Rendimento dei Propri Pannelli Fotovoltaici

Ora che abbiamo il nostro impianto fotovoltaico installato e funzionante non dobbiamo fare più niente. Il sole irradia la sua energia che viene captata dai moduli, loro la trasformano in corrente elettrica e noi la consumiamo quotidianamente. Di solito questo è quello che fanno tutti coloro che possono contare su un sistema fotovoltaico.

E’ vero, non c’è una gran manutenzione da fare, però possono essere messi in atto degli accorgimenti utili per aumentare il rendimento dei propri pannelli fotovoltaici. Maggiore rendimento significa più energia prodotta, più soldi se si usufruisce del conto energia oppure più risparmio in bolletta se invece abbiamo le detrazioni fiscali per impianti solari. Ecco una serie di consigli utili per migliorare le prestazioni dei moduli fotovoltaici, incrementare l’efficienza e renderli più performanti.

pulizia-pannello-solare

Pulire i pannelli Solari

i moduli sono costantemente esposti ad inquinamento, polvere e non da ultimo al guano degli uccelli, insomma alle deiezioni di piccioni, gabbiani e cornacchie, sempre più presenti nelle città italiane. In quest’ultimo caso si tratta di veri e propri “bombardamenti” che oscurano addirittura il funzionamento di una cella del modulo. Le celle, sono collegate in serie, il malfunzionamento di una blocca l’utilizzo delle altre. Una cella imbrattata con feci di uccelli abbassa notevolmente il rendimento del modulo intero perchè è completamente oscurata. Anche una pioggia con vento che porta sabbia sporca il vetro dei pannelli, che diventa così opaco ed ombreggiato.

C‘ è bisogno di una pulizia constante dei pannelli fotovoltaici da effettuare settimanalmente, ove possibile. Basta un panno umido o leggermente bagnato. Se i moduli sono difficilmente raggiungibili possiamo costruirci una prolunga di qualche metro su cui poggiare all’estremità una spugnetta, un po’ come quella dei lavavetri.

Togliere le Ombre

in fase di progettazione, specie se l’installazione è avvenuta in estate, gli installatori potrebbero non aver ben previsto una giusta rotazione solare. In inverno il sole è più basso ed i raggi potrebbero sbattere su un albero, palo, edificio, palazzo e creare ombra sui pannelli. L’ombreggiatura fa ovviamente scendere il rendimento di un modulo che deve essere sempre esposto al sole. In questo caso, se si tratta di un albero, si potrebbero tagliare eventuali rami che creano ombra. Se si tratta di un edificio il discorso si fa ovviamente complicato, sarebbe comunque bene spostare il modulo messo in ombra.

produzione-energia-elettrica

Controllo della produzione elettrica

molti impianti hanno un sistema di gestione che rendiconta giornalmente la produzione di energia elettrica tramite pc o smartphone. Possiamo così controllare quanto producono quotidianamente. Teniamo un registro della produzione con su scritta la quantità di corrente elettrica in grado di essere realizzata nelle varie stagioni. Avremo in questo modo possibilità di accorgerci di un calo improvviso di rendimento per intervenire prontamente.

Il fenomeno che può accadere è quello del Piddegrado da potenziale indotto. Avviene una perdita di potenza nella produzione a causa della differenza di potenziale di tensione tra le celle del modulo fotovoltaico e terra. Ci sono degli apparecchi , prodotti da Sma, Elettrograf e Ilumen, in grado di ripristinare le prestazioni dei moduli fotovoltaici affetti da PID.

Quanto rende un impianto fotovoltaico:
difficile fare calcoli con esattezza. Dipende ovviamente dalla potenza, dal luogo in cui si installano i moduli (a Palermo renderanno di più rispetto a Milano), dalla performance dei moduli. Mediamente, un sistema da 3 Kwp, con efficienza dei moduli di un 15-16% (i moduli con la più alta efficienza arrivano al 20%), che possa godere di irraggiamento solare tutto il giorno può produrre al Nord Italia dai 3000 ai 3500 Kw l’anno, in centro Italia dai 3500 ai 4000 Kwp, al sud Italia dai 4000 ai 4500 Kw.

Per aumentare la produzione possiamo installare i moduli fotovoltaici su quello che è chiamato “inseguitore solare”. In pratica è un supporto motorizzato che si muove “inseguendo” il sole. I moduli montati sopra saranno esposti sempre nella maniera migliore. I costi da una parte sono maggiori, un inseguitore costa circa 1500-2000 euro per un impianto da 3 Kwp, ma il rendimento dei pannelli piú alto.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
(Visited 393 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *